Il ritorno dalle vacanze – desperate housewives edition

image

Sul volo di ritorno devo per forza riposarmi: la fine della vacanza significa ricominciare la vita quotidiana. E anche se non ho più un lavoro, il fatto di stare quasi due giorni interi in casa a mettere in ordine mi fa sbroccare.
Preferirei fare il doppio della fatica e andare anche a lavorare piuttosto che  stare chiusa a fare lavatrici, pulire casa, mettere via mille cose in mille cassetti diversi. Cassetti che strabordano anche da semivuoti.
Vorrei andare in giro a contagiare il mondo con l’entusiasmo di chi è appena tornato da un viaggio e dire “non sai che bellooooo-o-h”, e invece io e l’oblò della lavatrice ci sbaciucchiamo mentre gira ininterrottamente. E poi vorrei sfruttare tutto il mio tempo libero per continuare a girare Parigi, che prima o poi lascerò.

Ho il mio schedulato settimanale per le lavatrici che girano preferibilmente nella fascia in cui la corrente costa meno (14-17), quasi sempre a pieno carico o ottimizzando con l’uso dei foglietti acchiappacolori. So che se comprassi un set di lenzuola rosse spariglierei tutto il planning e non lo faccio. Ho perfino tinto alcuni capi bianchi perché d’inverno è la lavatrice che faccio meno, visto che uso biancheria colorata perché il bianco di Parigi viene grigio.

Se prima dell’espatrio dovevo dimostrare di essere Wonderwoman all’italiana, lavorando, con un nano, e con la casa che doveva splendere, ora ho eliminato il lavoro e sono diventata più flessibile con le paranoie da faccende domestiche. Ma non voglio dirlo a mio marito. La cosa che non riesco a farmi passare, nonostante i piani b e c, è lo sbuffo perenne che ho al rientro. Dove il nano va pimpante a scuola, il marito pimpante al lavoro e io pimpante detersivoinmano.

Parlano tanto di sindrome di rientro al lavoro post-vacanza. Ma a casa è pure peggio. Il metodo che ho adottato ultimamente è il “ora o mai più”: se mi faccio prendere dalla pigrizia è finita!

L’organizzazione parte dalla valigia del rientro, spazio permettendo, così da facilitarmi alcuni compiti:
– separazione dei vestiti in base al colore
– svuotare le tasche e rigirare i capi delicati
– piegare bene i panni sporchi in modo da ottimizzare lo spazio, e magari accoppiare calzini con calzini e non calzino con guanto, cone già successo
– raggruppare gli oggetti in base alla posizione dove sistemarli a casa, tanto il volo all’andata è andato bene e il nano non cercherà proprio in quel momento il playmobil del pescatore
– cercare un volo di rientro con atterraggio entro l’orario di fascia oraria più economica per fare lavatrici, passare aspirapolvere e accendere il riscaldamento. Ok, sto scherzando, ma mentre scrivo credo che qualcuno possa prendere spunto.

Quando si arriva alla porta di casa, si lascia la posta sul tavolo, tolte le scarpe e mani lavate, olé, si parte per la maratona. Caricare lavatrice, disfare la valigia, mettere in ordine…più tutto il basic della gestione di una casa che, nonostante la mia paranoia di lasciarla in ordine e pulita prima della partenza, sembra sempre che durante la vacanza abbia accolto una famiglia di zingari.
Poi non possono mancare il lavaggio delle borse, zaini e borsoni, disinfettare i trolley prima di riporli, lavare le scarpe e i giubbotti….Ogni 6 settimane, grazie alla scuola francese, ne abbiamo 2 di vacanze. Non faccio in tempo a ritrovare tutti i pezzi dei playmobil di mio figlio che è già ora di ripartire.

La prossima volta voglio la lavatrice in camera e gli oggetti che si autoripongono…
#vorreitantounlavoro, #menomalecheesistelasciugatrice e #speriamoditrasferirciprimadellaprossimavacanza!

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: